Oggi vi presento la mia pasta madre (c’è chi dice anche “lievito madre”, ma trattandosi di “madre” mi sembra che il genere femminile di “pasta” le si addica di più). É nata in un forno calabrese ed ha ben 42 anni: più vecchia è, più buona è!

Qualcuno troverà un po’ ridicolo il fatto che le abbia dato anche un nome, ma siccome si tratta di qualcosa di vivente, a me sembrava una buona idea.

Ecco, per oggi vi ho raccontato solo l’ABC della pasta madre. La prossima volta vi racconto tutti i trucchetti che ho imparato in due anni di panificazione settimanale per tenere in ottima salute la vostra pasta madre e per sfornare pagnotte da urlo.

Nel frattempo, sconsiglio di provare a creare una pasta madre da zero: è un procedimento lungo e spesso frustrante. La cosa migliore é di farsene dare un po’ dal vostro spacciatore più vicino.

Ebbene sì, si chiamano proprio spacciatori! Eh eh!… E la spacciano gratis!

Qui potete trovare quello più vicino a dove abitate

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Si discute per convincere e per vincere, non per farsi capire

next
Articolo Successivo

Biblioterapia: romanzi come farmaci, da assumere a intervalli regolari

next