Oggi vi presento la mia pasta madre (c’è chi dice anche “lievito madre”, ma trattandosi di “madre” mi sembra che il genere femminile di “pasta” le si addica di più). É nata in un forno calabrese ed ha ben 42 anni: più vecchia è, più buona è!

Qualcuno troverà un po’ ridicolo il fatto che le abbia dato anche un nome, ma siccome si tratta di qualcosa di vivente, a me sembrava una buona idea.

Ecco, per oggi vi ho raccontato solo l’ABC della pasta madre. La prossima volta vi racconto tutti i trucchetti che ho imparato in due anni di panificazione settimanale per tenere in ottima salute la vostra pasta madre e per sfornare pagnotte da urlo.

Nel frattempo, sconsiglio di provare a creare una pasta madre da zero: è un procedimento lungo e spesso frustrante. La cosa migliore é di farsene dare un po’ dal vostro spacciatore più vicino.

Ebbene sì, si chiamano proprio spacciatori! Eh eh!… E la spacciano gratis!

Qui potete trovare quello più vicino a dove abitate

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Si discute per convincere e per vincere, non per farsi capire

next
Articolo Successivo

Biblioterapia: romanzi come farmaci, da assumere a intervalli regolari

next