La rivoluzione digitale sta velocemente ridisegnando i parametri del diritto d’autore. Questo blog nasce per dare voce a tutti i creativi italiani che credono e difendono la cultura e chi la fa. Perché attraverso il diritto d’autore, si tutela la libertà degli autori.

Libera e indipendente: due caratteristiche fondamentali per me. La Siae è un presidio di libertà per tutti e costituisce il pilastro che sostiene e rappresenta tutti i creativi, ecco perché ho accettato di esserne il Presidente. E ho accettato di lavorare nella direzione della semplificazione e della trasparenza, perché la Siae ritorni ad essere – come mi piace dire – una casa di vetro, senza angoli bui.

Quando, nel 1882, Verdi, Carducci e tutti gli altri promossero e fondarono la Siae, lo fecero per poter gestire i loro interessi senza dover rispondere ad alcun potentato economico o politico.

Un principio da difendere oggi come allora e che, come tutto ciò che è libero, spesso si trova a fronteggiare gli attacchi di quelli a cui questa indipendenza non conviene.

Il diritto d’autore è aggredito da tutte le direzioni, ad esempio per quanto riguarda l’equo compenso e la copia privata, ma pare che nessuno si ponga il dubbio più semplice: cui prodest?

A chi è che conviene battersi con tutte queste energie contro il diritto d’autore? Ai consumatori come spesso viene banalmente detto? Io credo di no. Bisogna alzare il velo, e scavare un di più sotto la superficie.

Partiamo da un equivoco, una semplificazione che è necessario chiarire: la copia privata non è una tassa. È un equo compenso per il diritto d’autore. Un equo compenso che tra l’altro esiste già, ed è un principio accettato e legalizzato da varie sentenze.

Guardando un po’ più in là del proprio naso, è evidente che tra i primi a trarre un vantaggio dalla lotta al diritto d’autore ci sono le multinazionali, che non intendono compensare chi crea prodotti per i loro supporti, in una logica  in cui l’unico obbiettivo è guadagnare di più. Un mio pensiero? Legittimo sospettarlo, del resto sono autore e rappresento la Siae per di più. Eccovi un dato oggettivo allora: nel nostro paese il prezzo dei dispositivi è più alto che in altri dove il diritto d’autore è maggiore. In Italia, infatti, il prelievo è lo 0,13 per cento del prezzo dell’hardware, mentre in Francia è l’1,13 e in Germania, addirittura il 5,13…E perché nessuno ha mai sollevato questa obiezione nei confronti del cd ad esempio? La matematica non è un’opinione.

Scavando ancora un po’, sempre nei fatti reali: le suddette multinazionali non generano occupazione in Italia, né pagano le tasse nel nostro paese. Io questa la chiamo concorrenza sleale nei confronti delle aziende italiane.  

Provate per un attimo a far tacere il ritornello che arriva, in continuazione e da più direzioni, da cori (liberi?) sul fatto che l’adeguamento – perché di questo si parla – ricadrà sui consumatori, e ragionate sui questi pochi ma fondamentali dati. Chi è che si arricchisce annullando il diritto d’autore? Le conclusioni le lascio a voi…

Io intanto sono qui per difendere il mondo della creatività e della cultura e la sua libertà. Certo, avremmo bisogno che anche la politica raccogliesse questa sfida – perché ormai di sfida si tratta – tra gli interessi economici di soggetti estremamente potenti e il piccolo Davide che deve combattere con un numero imprecisato di Golia. Spero che anche la politica si accorga che uno dei beni più importanti che ha l’Italia è proprio la sua capacità di creare, di creare grande bellezza.

di Gino Paoli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Agcom, il Regolamento rimuovi-web comincia da libri e peer to peer

next
Articolo Successivo

Media, Paesi arabi e la fabbrica dell’informazione

next