Uscire dall’Euro? Per il 58,1% degli italiani sarebbe un fatto positivo. In più ad oggi sono solo quattro le forze politiche italiane che supererebbero lo sbarramento del 4% nel corso delle prossime elezioni europee. Secondo l’ultimo sondaggio realizzato da Datamedia Ricerche, istituto diretto da Natascia Turato, per Il Tempo, il Partito Democratico è al 30,5%, seguito da Movimento 5 Stelle al 25%, Forza Italia al 20,5%, la Lega Nord al 5%. Per quanto riguarda gli altri partiti, ci sono L’Altra Europa con Tsipras al 3,7%, il Nuovo CentroDestra al 3,5%, Fratelli d’Italia-An al 3%, Alde (Alleanza Lib. Dem. Europei) al 2%, Popolari per l’Italia-Libertas all’1,8%, Psi all’1%, la Destra all’1% e altri al 4%.

Indecisi, astensione, schede bianche o nulle, sommati arrivano ad una percentuale del 51,8%. Al campione è stata chiesta un’opinione se fosse un fatto positivo uscire dall’Euro: il 58,1% degli italiani ha risposto di si, il 35,8% ha detto di no ed il 6,1% non sa o non risponde. Il referendum sulla moneta unica, inoltre, è il primo punto del programma per le Europee del Movimento 5 Stelle. Dal sondaggio emerge inoltre che la fiducia nel premier Matteo Renzi è al 56% (-1 punto percentuale in una settimana).

La rilevazione è stata effettuata da Datamedia Ricerche per “Il Tempo” nei giorni 21-24 Marzo 2014 tramite 1.000 interviste complete con metodologia Cati su un campione rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia. Margine di errore +/- 3,1%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europee M5s, online regole per candidarsi. Multa da 250mila euro per chi viola codice

prev
Articolo Successivo

Renzi: “Governo? Rischio l’osso del collo. Ma obiettivo 2018 Pd al 40%”

next