Nel 2018 il Partito democratico al 40% e la disoccupazione sotto il 10%. Quattro anni di governo per agguantare due obiettivi ambiziosi, attraverso un percorso fatto di riforme. Matteo Renzi mette sul piatto la sua scommessa a lungo termine. E in un’intervista notturna alla trasmissione tv Bersaglio mobile, ribadisce: “Metto in gioco me stesso”, se le riforme falliscono “me ne vado. Rischio l’osso del collo“. Renzi sa di giocare la sua battaglia in campo aperto: “C’è un esercito di gufi e rosiconi che spera che l’Italia vada male” e che raccontano “balle” come quella sulle auto blu che aumentano, scandisce. E spiega di ritrovarsi tra l’altro a vivere “la difficoltà” di avere come interlocutori dei parlamentari che non controlla (“Non eletti con liste fatte da me“). Ma non c’è alternativa, per il premier, a “mettere in gioco tutto” con “riforme coraggiose”, come quella “storica” del bicameralismo e del titolo V che lunedì porterà in consiglio dei ministri. Con un testo che non toccherà il tema della forma di governo perché “non è centrale”.

In parallelo, la sfida va avanti sul fronte economico. Il Def, anticipa Renzi, stimerà una crescita tra lo 0,8 e lo 0,9%: un dato più basso dell’1% indicato nella previsione (“ahimé un po’ ottimistica”) dell’ex ministro Saccomanni. Ma con il taglio del cuneo per i redditi medio-bassi che garantirà “80 euro in busta paga” a chi ne guadagna “meno di 1500”, la speranza è che “alla fine si arrivi all’1% e lo si superi”, spiega il capo del governo. Quanto ai temi del lavoro, il presidente torna a difendere le misure del governo (“lunedì presenteremo il ddl delega in Parlamento”) e a pungolare i sindacati: “Basta con i poteri di veto“. Poi più in generale afferma: “La musica è cambiata per tutti, o si cambia tutti o si va a casa”. Anche perché bisogna “correre” per raggiungere obiettivi ambiziosi come quello di riportare la disoccupazione, che è al 12,4%, sotto il 10% nel 2018.

E’ quella la data delle prossime elezioni politiche, il momento in cui il Pd “dovrà puntare al 40%”, in un “bipolarismo” agevolato dall’entrata in vigore dell’Italicum, con un “centrosinistra attorno al Pd” e dall’altro lato “un nuovo centrodestra”. Senza, quindi, il M5S di Beppe Grillo. A lui Renzi dice di non voler “fare la guerra”, perché la competizione si gioca su un altro piano: “Tra chi vuole mettere in moto l’Italia e chi fa in modo che le cose non vadano”. In questa competizione, fin da subito, il segretario Pd punta a prendere più del 26% alle europee, superando il risultato precedente.

In Europa il presidente del Consiglio vuole andare non a “fare i compiti”, ribadisce, ma a indicare un “modello diverso“. A parlare di politica e non di “regole, regole, regole“. Anche perché le sole regole fin qui non hanno prodotto i risultati sperati, visto come è aumentata la disoccupazione e il debito pubblico italiano. Ad ogni modo quelle regole Renzi si impegna a rispettarle, a partire dal fiscal compact, un tema che “affronteremo nei prossimi mesi”, dice, consapevoli che però è prioritaria la discussione sulla necessità dell’Europa di “tornare a fare politica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Europee 2014, sondaggio: “Il 58% degli italiani vuole uscire dall’Euro”

next
Articolo Successivo

Europee, blog Grillo: al via il primo turno elezioni per scegliere candidati M5S

next