Ormai pensavo di averle sentite tutte sul Consiglio di Stato e sulla giustizia amministrativa. Magistrati che spediscono lettere con dentro escrementi o che si vantano pubblicamente di fare puzze davanti ai colleghi, indagati per ogni sorta di reati, coinvolti in cricche di vario genere,  iscritti segretamente alla massoneria, e chi ne ha più ne metta. Ma le baby squillo dei Parioli mancavano ancora.

Beninteso, racconti su storie di sesso tra le pareti del prestigioso palazzo non sono mai mancate, talvolta riassunte in piccanti anonimi (inviati anche al sottoscritto) e confermate qua e la da qualche moglie tradita; ma stavolta è diverso. Infatti, appena sopita la querelle sullo sventramento del sottosuolo di palazzo Spada per realizzare un parcheggio, ecco un’altra “bomba” sulla prestigiosa istituzione.

Anche nella inchiesta sulle prostitute minorenni dei Parioli salta fuori un’utenza del Consiglio di Stato. Non si sa ancora a chi sia intestata, e nemmeno se si tratti di un magistrato o di un funzionario. Staremo a vedere. Ma intanto il coinvolgimento del palazzo dei giudici amministrativi viene dato per certo.

Ed ecco allora che, immancabilmente, mi accingo ad aggiornare il pallottoliere degli scandali che coinvolgono il supremo consesso amministrativo, aspettando di vedere come i giudici amministrativi sapranno ancora stupirci. 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libera, a Latina in bici contro le mafie

next
Articolo Successivo

Amministratori locali, aumentano violenze e minacce. Anche per colpa della crisi

next