In film sulle più accanite oppositrici al governo russo di Vladimir Putin “Pussy riot – A punk prayer” verrà proiettato questa sera alle 20 al cinema Ariosto (via Lodovico Ariosto, 16), a Milano. Il documentario racconta la storia delle attiviste per i diritti civili che in questi anni, in varie occasioni e in diversi paesi, hanno organizzato forme di protesta per contestare le politiche del presidente Putin e che per questo hanno dovuto scontare due anni di carcere.

La pellicola ha vinto il premio speciale della giuria al Sundance Film Festival 2013. L’iniziativa è organizzata da Annaviva, associazione che si batte per la democrazia e la tutela dei diritti umani nell’Europa orientale e dalla Libreria Popolare. Alla proiezione parteciperà anche il regista Mike Lerner, l’ingresso è gratuito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quando c’era Berlinguer, Veltroni regista convince più del politico e firma un gioiello

prev
Articolo Successivo

L’impostore – The Imposter: a ciascuno il suo mentire

next