Calano a picco le vendite delle auto in Europa. Nel 2013 il mercato auto in Europa scende dell’1,8% a 12.308.215 unità (erano 12.528.093 nel 2012). Si tratta – riferisce l’Acea (l’agenzia europea dell’industria automobilistica) – del sesto calo consecutivo e del peggior volume dal 1995. A dicembre sono state vendute 948.090 vetture, in rialzo del 13%. E’ il rialzo mensile maggiore da dicembre 2009 ma il terzo dicembre più basso dal 2003.

Guardando in casa Fiat, nel 2013 Fiat Group Automobiles ha immatricolato in Europa (Ue a 27 + Paesi Efta) 740.641 nuove vetture in calo del 7,3% sulle 798.924 del 2012. A dicembre Il Gruppo Fiat ha venduto 51.894 unità, in progresso del 2,3% rispetto alle 50.738 di un anno fa. A novembre le vendite del Lingotto erano scese del 5,8%. Nel 2013 la quota di mercato di Fiat Group Automobiles in Europa scende al 6% rispetto al 6,4% del 2012. In flessione anche la quota di mercato a dicembre che si attesta al 5,5%, contro il 6% di un anno fa ed il 5,7% di novembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tribunale Milano: “E’ boom di cause intentate alle banche: +65% in un anno”

next
Articolo Successivo

Crisi, Bce: “Restano rischi al ribasso per l’economia dell’Eurozona”

next