Galeotta fu la cena, si dice in certi casi; e questo è proprio il frangente adatto, anche se il romanticismo c’entra ben poco. Da quasi sei anni presso la casa circondariale di Volterra (Pisa) i detenuti hanno messo in piedi un ciclo di cene, le Cene Galeotte appunto, organizzate con l’aiuti di chef professionisti qualificati: da Angelo Torcigliani a Giancarlo Morelli, da Riccardo Agostini e Alessia Morabito a Nicola Schioppo e Simone Cipriani. Gli appuntamenti sono mensili e, nel 2013, hanno aderito oltre mille persone, desiderose di sperimentare le capacità e la cucina dei cuochi ‘galeotti’.

Le cene hanno un costo medio (35 euro) e il ricavato verrà devoluto interamente in beneficenza, alla fondazione ‘Il cuore si scioglie’ Onlus. Ma non è l’unico effetto benefico delle Cene Galeotte: grazie a quanto appreso durante la realizzazione del programma (che è realizzato in collaborazione con il ministero di Giustizia, la direzione della casa di reclusione, la Fisar-Delegazione Storica di Volterra, la Unicoop Firenze, il supporto comunicativo di Studio Umami e la supervisione del giornalista e critico Leonardo Romanelli) ben 16 detenuti sono riusciti ad ottenere un lavoro presso alcune strutture ricettive locali.

Il ciclo di incontri del 2014 partirà venerdì 24 gennaio e andrà avanti fino a giugno con, come ospiti, i sei chef sopracitati. Un modo creativo per avvicinare la gente comune a una realtà difficile come quella carceraria e, al tempo stesso, offrire ai detenuti una possibilità in più di perseguire quelle finalità di rieducazione e risocializzazione che troppo spesso restano solo sulla carta dei codici.
(Immagini originali cenegaleotte.it)

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, presto sulle tavole la prima mela geneticamente modificata

prev
Articolo Successivo

Lingerie ed eccitazione maschile: sotto il vestito, niente?

next