“O questo governo diventa il governo anche di Matteo Renzi o non va avanti. Non si è mai visto un esecutivo sostenuto dalla minoranza interna di un partito e non dalla maggioranza del segretario…”. Così Alfredo D’Attorre uno dei partecipanti alla riunione di ieri sera dell’area Cuperlo convocata in vista della Direzione dem di domani. Poco fa la replica del renziano Dario Nardella ai microfoni de ilfattoquotidiano.it fuori da Montecitorio: “Il documento dei cuperliani? Lo leggerò. A proposito di lealtà, ho notato l’ex viceministro Stefano Fassina (Pd) questa mattina che si è astenuto su un importante provvedimento, una mozione di Sel che critica radicalmente il principio del Fiscal compact del controllo dei bilanci secondo il patto di stabilità, pure lui, Fassina, era un cuperliano. Quindi?”. Giuseppe Civati (Pd) critica la linea dei deputati cuperliani, ma a Renzi manda a dire: “Renzi parli chiaro e dica se si va a votare l’anno prossimo, io eviterei di farlo fibrillare ogni venti secondi questo esecutivo. Se questo governo non gli piace lo dica. Questo governo deve andare avanti o no?”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge elettorale, Renzi: “Se vedo Berlusconi è per provare a chiudere”

prev
Articolo Successivo

Caso De Girolamo, Gomez vs Lorenzin: “Mafiosizzazione politica italiana”

next