Scontro feroce tra Peter Gomez e il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, nel corso della trasmissione “Ballarò”, su Rai Tre. La miccia del dibattito è il caso De Girolamo, che il direttore de ilfattoquotidiano.it definisce “molto grave”. E sottolinea: “La politica deve occuparsi di comportamenti. Di reati si occupa la magistratura. In una democrazia che funziona il primo sistema di controllo non è rappresentato né dalla magistratura, né dalla stampa, ma dal Parlamento. Quindi, è giusto che la De Girolamo vada in Parlamento a chiarire, ma, a dir la verità, c’è ben poco da chiarire”. Gomez spiega che, quando si sente parlare di favori, viene in mente un film di Martin Scorsese e non la politica. E rincara: “Quello che emerge è una progressiva mafiosizzazione della classe dirigente italiana. Qui non ci sono gli omicidi, però ci sono degli atteggiamenti che impressionano. C’è una similitudine fortissima tra alcuni clan politici e le organizzazioni criminali”. Insorge la deputata Ncd, che parla di “processo sommario” e chiede al giornalista come si sentirebbe se venisse sorvegliato da un registratore o da una videocamera. “Basta comportarsi bene” – risponde Gomez, che ribadisce di parlare di comportamenti e non di reati. La Lorenzin si infuria e reagisce con stizza agli applausi del pubblico: “Questo è uno stadio, è il linciaggio di una persona che non è presente e non si può difendere”. Ma Floris precisa che il ministro De Girolamo ha declinato l’invito a partecipare alla trasmissione. Il ministro della Salute sfida nuovamente al direttore de ilfattoquotidiano.it, sfoderando l’ipotesi che venga intercettato con un registratore: “E poi vediamo qual è la questione morale in questo Paese. Mi infervoro perché Nunzia è una mia amica”. “Troverà molte cose” – ribatte Gomez – “ma non troverà mai che organizzo interviste di tipo estorsivo o che pronuncio minacce”. Il giornalista si esprime anche su una possibile legge elettorale, adombrando l’ipotesi che molti parlamentari la ostacoleranno per motivi di convenienza personale, visto che il 50% di loro molto probabilmente non verrebbe rieletto  di Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Nardella: ‘Renziani poco leali con Letta? Fassina è il primo a non essere in linea’

next
Articolo Successivo

De Girolamo, al Tg5 nuovo audio. “Ecco la prova del processo sommario”

next