Lo scioglimento del ghiacciaio di Pine Island, in Antartide, sta accelerando, e il processo è irreversibile. Lo sostiene un team internazionale di ricercatori, secondo cui il ghiacciaio può arrivare a perdere fino a 100 miliardi di tonnellate d’acqua all’anno, pari a un aumento di 10 millimetri del livello del mare entro il 2034.

Pine Island, 175 mila chilometri quadrati nell’Antartide occidentale, è un flusso glaciale, cioè un tipo di ghiacciaio che si muove in modo significativamente più veloce rispetto al ghiaccio circostante. Attraverso osservazioni sul campo e modelli al computer, studiosi dell’università francese di Grenoble, dell’IT Center for Science finlandese, dell’Accademia cinese per le scienze e delle università inglesi di Bristol ed Exeter hanno formulato un’ipotesi sul futuro del ghiacciaio.

Gli esperti hanno preso in esame la ‘linea di galleggiamento’ del ghiacciaio, che separa la piattaforma di ghiaccio galleggiante dal ghiaccio ancorato al terreno. Quando la linea di galleggiamento si ritira verso l’interno della costa, all’oceano si aggiunge dell’acqua e il livello del mare si alza. Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Climate Change, la linea di galleggiamento di Pine Island si è ritirata di 10 chilometri negli ultimi dieci anni e potrebbe ritirarsi di altri 30 chilometri nei prossimi vent’anni. Il ghiacciaio, che nell’ultima decade ha versato nell’oceano 20 miliardi di tonnellate d’acqua all’anno, arriverà versarne 100 miliardi di tonnellate, causando un aumento del livello del mare stimato tra 3,5 e 10 millimetri nei prossimi 20 anni. “Il ghiacciaio ha iniziato una fase autonoma di ritiro – ha detto Gael Durand dell’università di Grenoble – e proseguirà in modo irreversibile il suo declino”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stamina: l’evidenza di una sanità malata

prev
Articolo Successivo

Tumori, messo a punto il codice a barre che permette di analizzare le proteine spia

next