Messo a punto il codice a barre dei tumori, una tecnica che permette di analizzare simultaneamente centinaia di proteine spia del cancro a partire da minuscoli campioni di tessuto. Il nuovo sistema di analisi ha superato la prima fase di test clinici ed è stato messo a punto da un gruppo di ricercatori coordinato dall’Ospedale generale del Massachusetts che lo ha descritto sulla rivista Science Translational Medicine.

Le tecniche di indagine tumorale poco invasive, come il cosiddetto agoaspirato o delle cellule di circolazione del tumore, stanno trovando sempre maggiore impiego e utilità per il monitoraggio delle terapie cliniche in quanto offrono dati preziosi senza dover fare interventi invasivi e sono molto economiche. Per potenziare gli strumenti a disposizione i ricercatori statunitensi hanno realizzato un nuovo sistema di analisi dei campioni più efficiente dei precedenti: “Invece di trovare un modo per prelevare una maggiore quantità di tessuto – ha spiegato Cesar Castro, uno dei responsabili del lavoro – abbiamo ridotto il processo di analisi in modo da poterlo eseguire su pochissime cellule”.

Il nuovo strumento si focalizza sull’identificazione delle proteine ‘tipiche’, marcatori, delle cellule tumorali attraverso una tecnica di ‘codice a barre’ di Dna. La tecnica consiste nell’inserimento nei campioni da analizzare di filamenti di Dna che sono agganciati a specifici anticorpi in grado di legarsi alle proteine delle cellule tumorali. Una volta completata l’operazione è possibile ‘raccogliere’ i filamenti di Dna agganciati alle proteine e ottenere una sequenza delle proteine marcatori presenti sulla cellula tumorale. La tecnica, utilizzata già in una prima sperimentazione clinica, amplia di molto la quantità e la qualità di informazioni che si potevano ottenere finora con le analoghe tecniche di marcatura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Antartide, “Irreversibile lo scioglimento del ghiacciaio di Pine Island”

prev
Articolo Successivo

Svelata la sinfonia della vita, le proteine vibrano come le campane

next