Una stretta sul credito così severa non si vedeva da 14 anni. Dopo il calo del 3,7% registrato a ottobre, anche a novembre le banche hanno concesso sempre meno finanziamenti. E la flessione è sempre più rigida. I prestiti bancari a famiglie e imprese sono scesi del 4 per cento nell’ultimo mese, il peggior dato dal giugno 1999. E’ quanto segnala l’Abi nel rapporto mensile, sottolineando che il dato risente dell’andamento dell’economia italiana e della persistente debolezza della domanda.

Continuano a salire, intanto, anche le sofferenze bancarie. Secondo il rapporto Abi, quelle lorde hanno toccato ad ottobre quota 147,3 miliardi di euro, 27,5 in più di un anno fa e 100 rispetto alla fine del 2007. Il rapporto con gli impieghi è invece al 7,7%, il massimo da ottobre 1999.

Sempre più frequenti anche i fallimenti delle aziende. Tra gennaio e settembre sono 9.902 i crack registrati dal Cerved, in crescita del 12% su base annua e del 9% rispetto al secondo trimestre. L’aumento dei fallimenti, spiega Palazzo Altieri, é un fenomeno diffuso anche dal punto di vista geografico, con tassi di variazione più alti di quelli dello scorso anno. In particolare, va segnalata la situazione del Nord Est, che dopo aver registrato una diminuzione delle procedure fallimentari nei primi tre trimestri del 2012, ha manifestato nel 2013 un aumento del 18%; situazione simile anche al Sud e nelle Isole, area in cui il lieve aumento del 2012 é stato seguito da un incremento del 12% registrato nei primi nove mesi dell’anno. Continua il peggioramento nel Nord Ovest e nel Centro, con aumenti dell’8,9% e del 12 per cento.

Resta stabile, infine, il tasso dei prestiti alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, che sintetizza l’andamento di tassi fissi e variabili, risultato pari al 3,57%, limato rispetto al 3,59% di ottobre. L’Abi sottolinea poi che i tassi di interesse sui prestiti si sono assestati in Italia su livelli storicamente bassi: il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è posizionato al 3,48%, dal 3,51% di ottobre 2013, e il tasso medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 3,80%, 2 centesimi al di sotto del mese precedente.

Considerando il terzo trimestre del 2013, è ripresa la contrazione degli investimenti fissi lordi, con una riduzione congiunturale annualizzata pari a circa il 2,2%. In peggioramento sono risultati anche altri indicatori riferiti all’attività delle imprese: l’indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito su base annua – per la volta – ad ottobre 2013 di -1,1 per cento.

Ma a preoccupare il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, è soprattutto la situazione degli istituti di credito. “L’elemento più preoccupante è la diminuzione della raccolta obbligazionaria”, ha detto commentando i dati diffusi dall’associazione, che vedono un nuovo calo del 9,3% delle obbligazioni bancarie a novembre. E ha aggiunto: “Senza una raccolta solida è difficile fare mutui”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piazza Affari, i piumini Moncler debuttano col botto. Il titolo chiude in rialzo del 46%

prev
Articolo Successivo

Montezemolo, Italo taglia i costi e sposta il pareggio di bilancio al 2016

next