Aggiornato il 13 dicembre alle ore 18,00. 

Ci vogliono le bombe carta e gli scontri con la polizia, come oggi alla Sapienza di Roma, perché si torni a parlare di Università. Ma problemi di ordine pubblico a parte, in quali condizioni è l’Università italiana? E come vivono gli universitari questa crisi infinita? Il Fatto Quotidiano vorrebbe rispondere a queste domande con un’inchiesta a puntate. Ma ha bisogno del vostro aiuto. Vi chiediamo quindi di raccontarci qui le vostre storie, da tutte le parti d’Italia. Ogni dettaglio sarà prezioso per costruire il quadro d’insieme. Vogliamo partire dal tema degli affitti (domani in edicola troverete il primo articolo sull’argomento firmato da Beatrice Borromeo), che riguarda ovviamente soprattutto gli studenti fuori sede.

Ecco le domande a cui ci piacerebbe che voi rispondeste, utilizzando lo spazio nei commenti.

Dove studi e cosa?

Di quale città sei originario?

Quale soluzione abitativa hai trovato? Posto letto, stanza singola, appartamento?

Le condizioni in cui vivi hanno un impatto sulla tua attività accademica? Per esempio: condividere la stanza con qualcuno può rendere più difficile studiare.

Quanto tempo ci metti ad arrivare all’università?

Quanto paghi di affitto? Con un contratto o in nero?

Se sei in nero, hai provato a chiedere il contratto? Cosa ti è stato risposto?

Quanto incide l’affitto sul tuo reddito mensile? Quanti soldi ti restano a disposizione una volta tolte le spese per la casa?

Quali sono le tue fonti di reddito? Lavori o ti aiutano i genitori?

Hai provato con gli studentati universitari? Se sì, quale risultato hai ottenuto?

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, Quagliariello minaccia crisi. Franceschini mette la toppa: iter insieme

next
Articolo Successivo

Legge stabilità, Forza Italia vota gli emendamenti del Movimento 5 Stelle

next