Primo asse parlamentare tra ForzaItalia e M5S sulla Legge di Stabilità in commissione Bilancio della Camera: i deputati di FI hanno votato per la prima volta per un emendamento dei deputati ‘pentastellati’, che comunque è stato respinto. L’emendamento tagliava investimenti al settore aeronautico in favore di programmi per siti da bonificare. La scelta del nuovo partito di Silvio Berlusconi arriva a pochi giorni dall’annuncio del Cavaliere di essere pronto ad allearsi con Sel e 5 Stelle. Una provocazione che si è tradotta nelle prime forme di opposizione al governo delle larghe intese.

Sono cominciate le votazioni sulla Legge di Stabilità in commissione, prima di passare al voto dell’Aula. “Il governo ha fatto il suo lavoro – ha detto il presidente della commissione Francesco Boccia – e ha presentato tutti i pareri e i primi sono già stati messi in ordine dal relatore. Possiamo dunque iniziare e poi in attesa dell’ulteriore valutazione da parte del relatore a metà pomeriggio ci interromperemo per fare un Ufficio di presidenza e mettere a punto l’organizzazione del lavoro”.

Tanti gli emendamenti che stanno rallentando la discussione e che potrebbero entrare nel disegno di legge. Tra questi, l’emendamento per favorire il rientro dei capitali dall’estero, dove si prevedono sanzioni ridotte e niente carcere per i “delitti di dichiarazione infedele“. Le manette scatterebbero solo per i reati più gravi, come le dichiarazioni fraudolente con pene ridotte della metà. Ma non solo. Tra gli altri c’è anche l’emendamento che riguarda gli stadi di calcio. “La proposta”, denuncia Ermete Realacci, presidente della Commissione ambiente territorio e lavori pubblici della Camera, “è di modifica della necessità di rinnovare gli impianti sportivi come un cavallo di Troia per interessi speculativi. Un assalto già respinto al Senato e che ora torna alla Camera”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università in affitto, raccontateci le vostre storie

next
Articolo Successivo

Riforme, M5S esulta: “Letta ammette non toccherà art.138. Abbiamo vinto noi”

next