Martin Scorsese: “Un film straordinario, grazie per averlo fatto”. Paolo Sorrentino: “Bellissimo, per qualsiasi cosa chiamami”. Fatih Akin: “Mi ha davvero colpito”. Sul palco del festival di Marrakech c’è un 31enne, italiano trapiantato a Los Angeles, esordiente con Medeas. Presidente di giuria Scorsese, Andrea Pallaoro ha vinto per la migliore regia, ed è solo l’ultimo dei riconoscimenti rastrellati – dal festival di Tbilisi al prestigioso Camerimage – dopo l’anteprima mondiale alla Mostra di Venezia, dove aveva già incassato lo UK-Italy Creative Industries Award.

Direte, ma un film così qualcuno l’avrà preso? No. Medeas a oggi non ha distribuzione in Italia. Ce l’ha in Colombia, Messico, a breve negli Stati Uniti e in Francia, ma in Italia no. Un passaggio che dovrebbe essere immediato, bel film quindi uscita in sala, non lo è, e proprio le decorazioni di Marrakech e il solito Flaiano ci vengono in soccorso: “In Italia la linea più breve tra due punti è l’arabesco”.

Trentino, approdato 17 enne a L. A. per uno scambio scolastico e mai più tornato, Pallaoro ha in Antonioni, “il regista per eccellenza della relazione tra persona e ambiente”, il nume tutelare, ma non vive in una torre d’avorio, non professa l’art pour l’art a senso unico, e Medeas ha provato a farlo vedere: “Due settimane dopo Venezia, l’ho mandato a Rai Cinema”. La risposta? Italiano classico: “Le faremo sapere”. Tre mesi dopo, tutto tace, silenzio assenza: “Nessuno l’ha ancora visto”. Ma Pallaoro non si lamenta, semplicemente chiede: “Date la possibilità al pubblico di scegliere”. A Venezia più di qualcuno, ovvero, i pochi che l’hanno visto a ‘Orizzonti’, si sono stracciati le vesti: perché non è ‘in Concorso’, perché il poco Intrepido Gianni Amelio, il letale Under the Skin a correre per il Leone e Medeas no? Al festival Tertio Millennio, qualche giorno fa a Roma, altre esclamazioni di giubilo, altri paragoni arditi: “Anche noi abbiamo un Terrence Malick”.

Arditi, sì, ma fino a un certo punto: nulla di estetizzante o pretenzioso, Pallaoro ha uno stile estatico, una forma sublime a tallonare una famiglia di campagna californiana, Imperial Valley in purezza. Apparentemente sono armoniosi, felici, uniti: la madre sorda Catalina Sandino Moreno, il marito di poche parole, tre figli maschi e una femmina che impara l’italiano ascoltando Patty Pravo. Ma il titolo non mente, la tragedia è dietro l’angolo, meglio, dietro qualche sintomatica inquadratura: “Da sempre, mi interessa la disperazione dell’essere umano: la tragedia di Euripide, che ho usato per canovaccio, mi ha dato l’opportunità di farne un’analisi estrema”.

Trecentomila dollari di budget rastrellati tra famiglia, Messico e Usa, nessun finanziamento pubblico, attori al minimo sindacale, Medeas “in Italia non si sarebbe realizzato: questo tipo di cinema non viene valorizzato, esiste solo l’intrattenimento, l’espressione artistica finisce nel fuoricampo”. Non bastasse, “la televisione detta una superficialità pervasiva, e la nostra economia di relazione non aiuta il talento”: che fare? Emigrare, trovare negli Usa “un percorso di studi senza obblighi e strettoie burocratiche” e a Los Angeles la “patria della libertà: no, non è solo Hollywood, chi lo crede sbaglia di grosso. È una delle città più culturalmente all’avanguardia: scommetto ciecamente sul suo futuro”.

Difficile anche dubitare dell’avvenire di Andrea Pallaoro: nella convinzione che “lo stile non ostacoli l’espressione, ma l’aiuti”, il secondo film è già scritto, ancora a quattro mani con il messicano Orlando Tirado. “Un dramma motivato da impulsi estetici e sensoriali piuttosto che narrativi”, con probabile protagonista “una leggendaria attrice francese: non fatemi dire di più, ha amato Medeas, ha letto il copione e domani la incontro a Parigi”. Non solo Pallaoro: anche il talentuoso Roberto Minervini di Stop the Pounding Heart s’è trasferito in Texas. Della serie, cervelli in fuga e un cervello a scomparsa: quello del sistema Italia.

Il Fatto Quotidiano, 11 dicembre 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Golden Globe 2014, le nomination. La grande bellezza miglior film straniero

prev
Articolo Successivo

‘La Grande Bellezza’ anche ai Golden Globe a dispetto di certa critica italiana

next