La strada dove Paul Walker, star di ‘Fast&Furious’, ha incontrato la morte in un incidente stradale in California, è nota alle forze dell’ordine come area di corse automobilistiche clandestine. Ma i funzionari di polizia ritengono che Walker e il suo amico a bordo della Porsche non stessero correndo con un’altra auto. In base a una serie di testimonianze oculari gli investigatori sono convinti che l’auto viaggiasse da sola anche se ad alta velocità

“Nessun testimone ha contattato il dipartimento per dire che c’era un secondo veicolo”. Paul Walker e il suo amico Roger Rodas (alla guida), entrambi appassionati di auto sono morti sabato schiantandosi contro un palo della luce e un albero. L’auto ha poi preso fuoco. I due stavano ritornando sa un evento per una raccolta fondi di beneficenza quando hanno avuto l’incidente lungo una strada che resta isolata dal traffico, soprattutto nei fine settimana per questo location di corse d’auto. 

È una zona calda per i pirati della strada” ha detto il sergente Rick Miler della polizia stradale della California Highway. “Si tratta di un lungo tratto dove nel fine settimana le aziende sono chiuse e nessuno si interessa di quella zona”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Indebito”, solo per un giorno nelle sale il film di Andrea Segre e Vinicio Capossela

next
Articolo Successivo

‘La mafia uccide solo d’estate’: Pif e la sua emozionante opera prima

next