A Genova, al quarto giorni di sciopero totale del trasporto pubblico locale, arriva l’ex segretario del Partito democratico Pierluigi Bersani. Interviene a una serata sul tema del lavoro per sostenere la candidatura alla segreteria di Gianni Cuperlo. Introducendolo sul palco gli organizzatori spiegano che il ritardo con cui inizia la serata è dovuto al traffico che paralizza la città. “Bisogna mettere fine al disagio dei cittadini”, esordisce l’ex segretario. “Non sono a favore di soluzioni che comportino la perdita di posti di lavoro – spiega Bersani – bisogna creare un tavolo che non si sciolga finché non si sia trovata una soluzione. Pubblica o privata, un’azienda deve dare lavoro. Quella di Grillo è una polemica astratta”. Fuori dal teatro solo pochi tranvieri mostrano uno striscione, la maggioranza degli scioperanti si trova sotto la prefettura di dove è in corso un tavolo a cui partecipano sindacati e amministratori locali. È già stata convocata una manifestazione per domani pomeriggio e se non si troverà una soluzione lunedì gli autisti andranno a Roma  di Cosimo Caridi

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Genova, autisti Amt: ‘Doria come Renzi che ha privatizzato con centinaia di esuberi’

prev
Articolo Successivo

Landini: “A sinistra non c’è una forza che si faccia carico dei diritti dei lavoratori”

next