C’è da stare in silenzio. Giustizia è fatta. E’ il giudice Francesco Cananzi a leggere la sentenza di condanna all’ergastolo per Salvatore Balbassarre, il killer di Lino Romano, un innocente, che nulla aveva a che fare con quella merda di camorra.

Era il 15 ottobre dell’anno scorso, di sera, in via Marianella a Napoli. Salutò la sua amata fidanzata, uscì dal portone del palazzo per raggiungere in auto gli amici e disputare una partita a calcetto. Quella bestia di Salvatore Baldassarre, camorrista emergente, con il cervello bruciato, sbucò dal buio come fanno le zoccole, e lo confuse per Domenico Gargiulo, detto Sicc ‘è penniello, vero obiettivo dell’agguato, perché colpevole di un tradimento: aveva abbandonato il clan per i rivali. La bestia comincia a sparare. Quattordici pallottole. A chi – in seguito – durante una telefonata gli rimprovera l’errore, lui risponde tranquillo: “Lo sai, quando comincio a premere il grilletto non mi fermo più”.

Vale poco la vita a Napoli. Prima del verdetto stamane nell’aula 114 del Tribunale di Napoli, lui, la bestia, Salvatore Baldassarre ha preso la parola: “Sono stato io ad uccidere Lino Romano, ammetto le mie responsabilità, chiedo scusa a Dio, alla famiglia. Ma non mi pento, mi limito ad assumermi le mie responsabilità dinanzi a questo giudice, mi piacerebbe essere come quelli là (i pentiti, che hanno collaborato), ma non mi pento”.

Adesso non ride più spavaldo Salvatore Baldassarre. Quando fu stanato e acciuffato dalla polizia nel covo di Secondigliano con moglie e figli si concesse ai flash dei fotografi e alle telecamere “esibendosi” con smorfie, moine e baci indirizzati ai suoi cari. Voglio dire – queste benedette donne, compagne, mogli, amanti, madri di camorristi, dovrebbero sempre spiegare come cazzo riescono a vivere affianco a uomini così. Sicari sanguinari, killer spietati,psicopatici del grilletto facile che per mestiere – dietro pagamento – ammazzano altri cristiani come loro.

Come si fa? Come permettono a un figlio di abbracciare un padre così. Come? E’ un mistero. E’ una mutazione genetica. Una questione psichiatrica.

L’inchiesta è stata rapidissima e portata avanti dai magistrati anti camorra Sergio Amato e Enrica Parascandolo e dalla collaborazione di alcuni pentiti che parteciparono all’ideazione e realizzazione dell’agguato. Le pene riguardano anche loro: Giovanni Marino (che guidava l’auto con a bordo Baldassarre) è stato condannato a 18 anni e 8 mesi; i fratelli Carmine Annunziata a 16 anni e Gaetano Annunziata e la madre, “basista”, Anna Altamura a 14 anni. Proprio questa donna raccontò di aver avvertito il killer con un sms.

Il sicario era registrato nella rubrica del suo cellulare col nome “Amore”. Presenti in aula i genitori di Lino Romano, il 30enne operaio, che voleva solo sposare la sua Rosanna e viverci accanto. Una storia aberrante che somiglia a tante altre storie assurde di vittime innocenti, trucidate solo perché il caso, la fatalità, l’errore ci ha messo lo zampino. A Napoli può accadere. Vieni risucchiato in un buco nero, in un incubo, da cui, chi ti vuole bene, se sopravvive al dolore vivo, ottiene – non è sempre così – giustizia e una sentenza di condanna, poi tante iniziative, manifestazioni, belle parole e lacrime per ricordare ma senza più Lino, Silvia, Annalisa, Giuseppe, Nunzio, Gigi, Paolo, Mimmo, Mario, Gaetano, Domenico, Luigi, Raffaele, Antonio, Emiliana, Anna, Attilio, Carlo, Sofia, Patrizia e le centinaia che in questi anni hanno versato sangue innocente sul selciato delle strade di Napoli e della provincia.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piemonte, Cota rischia il rinvio a giudizio nell’inchiesta sui rimborsi regionali

next
Articolo Successivo

P3, rinviati a giudizio Carboni, Cappellacci e altre quindici persone

next