In manette perché al volante. Una cittadina kuwaitiana è stata arrestata in Arabia Saudita perché trovata alla guida di un’auto, ‘colpevole’ di aver infranto la legge che vieta alle donne di guidare. Lo riferisce il Kuwait Times, che cita un rapporto della polizia di Khafji.

La donna è stata fermata dalla polizia in una zona al confine col Kuwait, al volante di una Chevrolet. La signora stava accompagnando il padre in ospedale: l’uomo, malato di diabete, necessitava del ricovero, ma la polizia l’ha comunque fermata e ora si trova detenuta in attesa di ulteriori indagini.

La vicenda si è dopo la protesta, il 26 ottobre scorso, del movimento per il diritto, anche femminile, alla guida: le attiviste arabe in occasione del “October 26 driving”si erano mobilitate per un’intera giornata contro il divieto di guidare imposto alle donne dallo Stato. Per quel giorno tutte le saudite, che hanno solo recentemente conquistato il diritto di girare in bicicletta, erano invitate a uscire in strada e a mettersi al volante. La protesta che prevedeva anche una petizione online, si era intensificata dopo le dichiarazioni di Sheikh Saleh al-Lehaydan, consulente legale e psicologo dell’associazione psicologi del Golfo, che aveva parlato di alcuni dati scientifici secondo i quali “la guida delle donne danneggia ovaie, bacino e compromette la fertilità. Di conseguenza, secondo queste assurde teorie, le donne che si mettono al volante danno alla luce figli affetti da disfunzioni cliniche di diverso grado”. Posizione che ha innescato una serie di reazioni tra cui la diffusione via Twitter di un’immagine che mostra come la concessione alle donne del diritto di guidare porterà al comunismo, alla droga e al liberalismo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mortalità materna in Africa, Amref lancia campagna per formare 15mila ostetriche

next
Articolo Successivo

Prostituzione, viaggio nel sito per incontri hot. Tra studentesse, minori e casalinghe

next