Buongiorno Lucio Dalla, felice di sentirla.

Allora, che facciamo per tenere a galla ‘sto paese?
E` inutile non c’è più lavoro, non c’è più decoro,
Dio o chi per lui sta cercando di dividerci,
di farci del male, di farci annegare, 
come è profondo il mare,
come è profondo il mare.
 
Chi ci vuole dividere?!
Siamo noi, siamo in tanti, ci nascondiamo di notte 
per paura degli automobilisti, dei linotipisti
siamo gatti neri, siamo pessimisti, 
siamo i cattivi pensieri,
e non abbiamo da mangiare, 
come è profondo il mare,
come è profondo il mare.
 
Ci sarà qualche pensiero buono in giro, 
non può nulla una buona idea?
E` chiaro che il pensiero dà fastidio 
anche se chi pensa è muto come un pesce
anzi è un pesce e come pesce 
è difficile da bloccare
perché lo protegge il mare, 
come è profondo il mare.
 
E così le coste si riempirono di macchie di petrolio, di cemento e di olio solare.
Frattanto i pesci, dai quali discendiamo tutti,
assistettero curiosi, al dramma collettivo 
di questo mondo che a loro indubbiamente 
doveva sembrare cattivo
e cominciarono a pensare, nel loro grande mare,
come è profondo il mare.
 
Nel loro grande mare, 
come è profondo il mare.
Al posto dei molluschi servirebbe un Ministro del Mare, che i pesci faccia votare!
Certo, chi comanda non è disposto a fare distinzioni poetiche
il pensiero è come l’oceano,
non lo puoi bloccare, non lo puoi recintare.
Così stanno bruciando il mare,
così stanno uccidendo il mare,
così stanno umiliando il mare,
così stanno piegando il mare.

Foto: Giuseppe D’Amato, Acerra (NA)

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carbon tax, dopo i paesi scandinavi anche la Francia di Hollande vuole la ‘tassa verde’

next
Articolo Successivo

Berlingo non è un paese normale

next