La zona euro emerge dalla recessione più lunga della sua storia nel secondo trimestre trainata da Germania e Francia. L’Italia invece estende il periodo di contrazione dell’economia al record di otto trimestri, ma dati migliori delle attese e il primo periodo di calma duratura sui mercati finanziari dall’inizio della crisi portano il governo Letta a parlare di fine della recessione e di ritrovata fiducia degli investitori nelle capacità di crescita dell’economia italiana. Eppure il governo non ha fatto niente per stimolare la ripresa, e appare inadatto ad affrontare un’emergenza come la possibile crisi del settore bancario, il maggiore acquirente e detentore di debito pubblico.

Ospite in collegamento: Alberto Bisin – Professore di economia politica dell’Università di New York da Genova: “Abbiamo una classe politica assolutamente inadeguata a risollevare il paese e la gente non va in piazza a tirare i sassi perché c’è una certa ricchezza privata che fa da cuscino, quindi il governo tira a campare, se mai avverrà qualcosa sarà quando il governo perderà sovranità, nel senso in cui l’ha persa la Grecia, cioè il famoso arrivo della Troika, non sarà facile da accettare, sarà una cosa drammatica ma non vedo nessun’altra via d’uscita”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italia – Ue: discorsi tondi e vuoti di fine estate

prev
Articolo Successivo

Elezioni Germania, il peso della crisi greca sulla campagna della Merkel

next