La situazione politica non è buona, la situazione economica non è buona, la situazione del mio lavandino non è buona, la situazione del mio amore non è buona. Da me a te, qualcosa che ci unisce c’è. Come la terra che calpestiamo, come la casa che costruiamo, come la notte in cui dormiamo, come la notte che non dormiamo e l’emozione che inventiamo. La primavera che immaginiamo. Da me a te”. È una parte del testo di La situazione non è buona, brano di Francesco Tricarico scritto per Adriano Celentano e ora reincisa. Francesco ha deciso di regalarla in esclusiva a ilfattoquotidiano.it  . “Ero a cena con tre amici”, racconta, “Parlando, uno di loro mi ha detto: perché non riproponi La situazione cantata da te? È un gioiellino e anche se è di sette anni fa, rispecchia alla perfezione il periodo che stiamo vivendo. Ho pensato che fosse un’ottima idea e di proporla al Fatto perché è il quotidiano che leggo, il quotidiano di cui mi fido. Mi fa pensare che esistano ancora persone intelligenti e coraggiose”.

Tricarico è una mosca bianca nel panorama cantautoriale nazional-popolare: schivo, introverso, diretto, con un suo stile personalissimo nelle liriche e nelle tematiche scelte, musicalmente quasi “battistiano”. Il suo ultimo album Invulnerabile, è uscito da poco ed è ricco di un candore oggi introvabile. E sprona a ricercare le soluzioni dentro di noi, l’unico luogo – il germoglio dell’anima – ancora non corrotto. “Le crisi sono sempre un’ottima e necessaria occasione per migliorare qualcosa che non funziona più. Solitamente le soluzioni più vere e sincere sono quelle che trovi dentro di te, perché sono certo che nell’introspezione ci sia l’unica possibilità di cambiare e migliorare una situazione non più tollerabile. Sono fermamente convinto che dopo una crisi, se si riesce a superarla – ma la natura spinge a questo e io confido in essa –, si starà certamente meglio di prima”.

Il nuovo singolo ha un testo commovente: “Rammendare i calzini, riattaccare i bottoni, come faceva mia nonna dopo una guerra mondiale”; sembra indirizzare a un recupero di azioni e stati d’animo oggi perduti… “Mia nonna lavorava in filanda, filava la seta, andava a prendere l’acqua al pozzo, il suo canovaccio le è durato 40 anni; conosceva il valore della materia, il valore e l’importanza di un semplice filo di cotone. Non buttava niente che non potesse essere riparato. Tutto questo si è perso e ne paghiamo le conseguenze”.

In questo clima politico sembra che ci stiano rimettendo soprattutto i ragazzi. Cosa ne pensa Tricarico ? “La mia reazione a questo clima politico è di sgomento. Vedo cose e comportamenti inspiegabili o spiegabili solo attraverso un’estrema disonestà. Siamo arrivati a un punto dove tutto è possibile, ci siamo lentamente abituati al peggio al crimine legalizzato. Mi piacerebbe che gli uomini tornassero a essere uomini. Io credo che le nostre fondamenta siano fatte di onestà e di verità; di compassione, di conoscenza e di bellezza. La corruzione distrugge ogni cosa, sempre di più fino ad annientare una nazione. Mi auguro che ognuno nel suo piccolo dica basta, questo è troppo. E a chi dice “siamo tutti uguali”, dire “no io non sono come te”. Non siamo tutti porci. Basta. Il porco si consola pensando che siano tutti come lui”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emmanuel Carrère: lotte di carta

prev
Articolo Successivo

Spagna, artista mise statua di Franco nel frigo. “Non espongo più a Madrid”

next