Oggi devo salutarvi, cari ragazzi. Per un maestro lasciare la sua classe è un po’ come per una madre vedere il proprio figlio che se ne va di casa. Sapevo che prima o poi avremmo tagliato il cordone ombelicale che ci lega da un anno a questa parte ma ho sperato che questo giorno non arrivasse mai: avrei voluto poter continuare a camminare con voi, a conoscere la vita imparando ancora una volta con voi.

Vi ho visti cambiare, crescere. Ho ancora in mente i vostri volti il primo giorno che ci siamo incontrati: stupiti, attoniti, incuriositi. Ci siamo conosciuti reciprocamente e abbiamo imparato a condividere un tempo e ad ascoltarci.

Nessun maestro ha solo da insegnare ma ha tanto anche da apprendere. Ho cercato di insegnarvi a essere prima di tutto cittadini, ad amare questo Paese, a non abbandonarlo, a  non perdere il vizio della memoria. Quando oggi staccherò dalla nostra aula la foto di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, appesa il primo giorno di scuola, lo farò con la certezza che le loro idee ora camminano sulle gambe di 19 ragazzi in più.

Ora tocca a voi. A me poco interessa se ricorderete, quando sarete grandi, i Babilonesi e gli Assiri ma non dimenticate mai quattro regole. Uno: rompete sempre le scatole. Due: non state zitti di fronte alle ingiustizie. Tre: non siate mai indifferenti. Se passate di fronte ad un uomo che chiede la carità chiedetevi perché è li. Quattro: viaggiate.

Quando sarete adulti capirete meglio quel libro che vi ho regalato l’ultimo giorno di scuola: la Costituzione. Di tanto in tanto sfogliatelo e fate vivere quelle parole che sono stampate sulla carta, nelle vostre esistenze.

Forse ci perderemo di vista. Un giorno vi incontrerò ormai medici, impiegati, avvocati o operai e sarò fiero di essere stato il vostro maestro.

Oggi quando spegnerò la luce della nostra classe, guarderò per l’ultima volta i banchi vuoti, non dimenticherò che siete partiti per un nuovo entusiasmante viaggio. Spero incontrerete com’è accaduto a me, altri maestri di vita. Ma sappiate che nessun maestro dimentica i suoi alunni, le sue classi. Quando vorrete un consiglio, per la vostra vita professionale, per le pene d’amore, per le scelte, sappiate che ci sono. Io son qui. Vi aspetto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maturità 2013, online gli elenchi delle commissioni

prev
Articolo Successivo

Scuola e disabili: grazie dell’aiuto alla crescita. Non arrendiamoci

next