Il countdown è finito. Alle 21 all’Arena di Verona inizia il concerto dei One Direction. I biglietti per il concerto, messi in vendita alle 10 del 3 novembre scorso sono andati esauriti in pochi minuti. Per finire in vendita sul mercato parallelo on line a cifre folli, fino ai 4 mila euro.

Circa 15mila ‘Directioners‘, così si chiamano le fans della band forse più amata dalle teenagers del mondo, si sono spostate (spesso accompagnate dai loro genitori) dalle loro città a Verona, impiegando decine di pullman speciali, treni e persino voli aerei. Tutto per incontrare Zayn, Harry, Louis, Niall e Liam. Cinque ragazzi di origini modeste hanno coronato il loro sogno, trasformandosi in quello di milioni di ragazze sparse per tutto il mondo. La boy band, costituita da giovani di origine inglese e irlandese, è arrivata al successo partendo dall’edizione inglese di X-Factor 2010.

Nel nostro paese hanno stregato 727.740 ragazze che hanno impresso il loro “mi piace” in favore della band su Facebook. Il gruppo ha contraccambiato dichiarando più volte di amare le Directioners italiane e per loro hanno programmato una seconda data, il giorno dopo quella veneta, a Milano. La band si esibirà con i pezzi dei due album pubblicati finora: Up All Night (nel 2011) e Take Me Home (nel 2012),  dischi che hanno portato gli One Direction alla fama. 

Di Marianna Lillo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nell’interiorità del folk pop: Nicolas J. Roncea presenta Old Toys

prev
Articolo Successivo

Ray Manzarek morto, addio all’architetto del sound dei Doors

next