Hanno compiuto ormai numerosi passi nel mondo del design. Espongono a fianco dei grandi “nomi”, ma rimangono ancora “chiusi” nei padiglioni 22 e 24 di Rho-Fiera. I creativi under 35 si trovano al Salone satellite, uno degli ultimi spazi che si incontrano percorrendo i tapis roulant sotto la grande vela di Massimiliano Fuksas.

Ideato nel 1998 da Marva Griffin, quest’anno ospita 17 scuole internazionali di design. “Abbiamo voluto integrare la tradizione dell’artigianato con le moderne possibilità che offre la progettazione industriale”, spiega la curatrice. L’autoproduzione si conferma quindi un trend dell’edizione 2013 del Salone del mobile. Spazio quindi anche alle botteghe in cui si lavorano materiali come ferro, vetro e legno.

Tra i giovani selezionati, è stata Tania da Cruz, ragazza di origine portoghese, a vincere il “Salone satellite award” con un sistema di insonorizzazione in sughero. A lei vanno 10mila euro, mentre il secondo classificato, il collettivo egiziano Re design studio, vince 5mila euro. Terzi i londinesi di Poetic Lab. “Molti dei pezzi presentati nelle quattordici edizioni come prototipi sono stati messi in produzione”, spiegano gli organizzatori. E gli studenti sperano.

GUARDA LO SPECIALE SUL SALONE DEL MOBILE DE ILFATTOQUOTIDIANO.IT

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fuorisalone 2013, #Trecosebelle da fare e vedere tra Porta Venezia e Porta Romana

next
Articolo Successivo

Salone del Mobile. Perché Milano non ha un museo del design?

next