“Totale subordinazione”. Due parole che per il gip Stefano Aprile riassumono il rapporto tra Riccardo Mancini, ex ad di Eur Spa, e il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Oggi Mancini è stato arrestato, con le accuse di corruzione e concussione. Un macigno, rotolato sulla testa di un fedelissimo del sindaco. “Mancini è un uomo di Alemanno, al quale risponde direttamente e nei confronti del quale è in soggezione” scrive ancora il gip. Per poi ricordare che “Alemanno lo ha portato con sé dalla politica, per passare direttamente all’amministrazione attiva”.

Frasi che esigono risposte politiche da parte del sindaco: l’Alemanno reduce da un quinquennio che pare un calvario, deciso però a farsi rieleggere. Nonostante certi amici: o fedelissimi.  

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni a Roma, il 38enne Marcello De Vito è il candidato dei 5 Stelle

next
Articolo Successivo

Rivoluzione Civile e quell’insopprimibile voglia di sinistra

next