“Totale subordinazione”. Due parole che per il gip Stefano Aprile riassumono il rapporto tra Riccardo Mancini, ex ad di Eur Spa, e il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Oggi Mancini è stato arrestato, con le accuse di corruzione e concussione. Un macigno, rotolato sulla testa di un fedelissimo del sindaco. “Mancini è un uomo di Alemanno, al quale risponde direttamente e nei confronti del quale è in soggezione” scrive ancora il gip. Per poi ricordare che “Alemanno lo ha portato con sé dalla politica, per passare direttamente all’amministrazione attiva”.

Frasi che esigono risposte politiche da parte del sindaco: l’Alemanno reduce da un quinquennio che pare un calvario, deciso però a farsi rieleggere. Nonostante certi amici: o fedelissimi.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni a Roma, il 38enne Marcello De Vito è il candidato dei 5 Stelle

prev
Articolo Successivo

Rivoluzione Civile e quell’insopprimibile voglia di sinistra

next