“Totale subordinazione”. Due parole che per il gip Stefano Aprile riassumono il rapporto tra Riccardo Mancini, ex ad di Eur Spa, e il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Oggi Mancini è stato arrestato, con le accuse di corruzione e concussione. Un macigno, rotolato sulla testa di un fedelissimo del sindaco. “Mancini è un uomo di Alemanno, al quale risponde direttamente e nei confronti del quale è in soggezione” scrive ancora il gip. Per poi ricordare che “Alemanno lo ha portato con sé dalla politica, per passare direttamente all’amministrazione attiva”.

Frasi che esigono risposte politiche da parte del sindaco: l’Alemanno reduce da un quinquennio che pare un calvario, deciso però a farsi rieleggere. Nonostante certi amici: o fedelissimi.  

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni a Roma, il 38enne Marcello De Vito è il candidato dei 5 Stelle

next
Articolo Successivo

Rivoluzione Civile e quell’insopprimibile voglia di sinistra

next