Eolo e Nettuno si stanno divertendo alle nostre spalle. Siamo a 80 miglia da San Francisco, il cielo ha un enorme alone di luce che copre mezzo orizzonte e ci dice che la città e il traguardo sono vicinissimi.

Lo strumento in testa d’albero segna ben 9 nodi, un vento che permetterebbe a Maserati di avanzare spedita verso l’arrivo. Per nostra sfortuna però l’acqua da queste parti è molto più fredda dell’aria e si crea un fenomeno ben noto a noi velisti per cui il vento rimane in quota. Quindi a 30 metri ci sono 9 nodi ma a 10 metri dal mare probabilmente ce ne sono solo 4…

Oltre alla differenza di intensità c’è anche una grande differenza di direzione e questo complica la possibilità di regolare le vele. Ecco spiegato il motivo per cui in 15 ore abbiamo fatto solo 50 miglia di avanzamento su San Francisco. A questo punto non sappiamo quando il vento si deciderà ad arrivare con una certa intensità e rimaniamo belli concentrati per tagliare il traguardo il prima possibile.

http://maserati.soldini.it 

Soldini-Maserati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diario di bordo: Prua su San Francisco

prev
Articolo Successivo

Diario di bordo: Maserati è arrivata a San Francisco

next