Qui sotto l’ultimo post di oggi quando Maserati era ancora a 24 miglia dalla meta

“Siamo sotto costa e navighiamo a 8 nodi”. “Se continua così arriveremo verso le 20 ora italiana. Se invece il vento dovesse rinforzare un po’, anche prima. Non vediamo l’ora!”.

Maserati mancano solo 24 miglia per tagliare il traguardo della Rotta dell’Oro nella baia di San Francisco, sotto il Golden Gate Bridge. Fibrillazione a bordo per Giovanni e tutto l’equipaggio, in mare da quasi 47 giorni consecutivi.

Secondo le regole del World Sailing Speed Record Council (WSSRC), l’organismo internazionale che certifica i migliori tempi di percorrenza delle barche a vela sulle rotte storiche dei clipper, Maserati dovrà tagliare la linea del traguardo della rotta New York-San Francisco proprio sotto il Golden Gate Bridge, il ponte sospeso simbolo della città. Dopo l’arrivo Maserati verrà ormeggiata al pontone B, Pier 39, Fisherman’s Wharf.

Gli aggiornamenti in tempo reale dall’account twitter di Giovanni Soldini

Foto di Michele Sighel

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diario di bordo: gli scherzi di Eolo a 80 miglia dall’arrivo

next
Articolo Successivo

Lombardia: il diritto alla salute non è solo uno slogan

next