La terza serata del Festival di Sanremo ha visto il trionfo degli ex talent, che nella classifica provvisoria hanno occupato tre delle prime cinque posizioni: Marco Mengoni in vetta al podio, Annalisa Scarrone al terzo posto e Chiara Galiazzo al quinto. Buon piazzamento per i Modà arrivati secondi, mentre Marta sui tubi e Almamegretta chiudono la classifica. Nella sezione giovani, hanno passato il turno Antonio Maggio e Ilaria Porceddu (anche loro passati per X Factor) che si scontreranno quindi per la vittoria finale con i Blastema e Renzo Rubino.

Di seguito la classifica completa della terza serata di Sanremo, che è stata prodotta al 50% dal televoto del pubblico da casa e al 50% dalla giuria della sala stampa:

    Marco Mengoni
    Modà
    Annalisa
    Chiara
    Gualazzi
    Molinari e Cincotti
    Maria nazionale
    Elio e le storie tese
    Daniele Silvestri
    Max Gazzè
    Cristicchi
    Malika
    Marta sui tubi
    Almamegretta

Questa classifica peserà al 25% sul risultato finale, che sarà basato per un altro 25% sul televoto dell’ultima puntata e per il restante 50% sui voti della giuria di qualità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2013, lezione di antropologia

prev
Articolo Successivo

Disobbedienti contro benpensanti: che fine ha fatto Bartleby?

next