Come ogni anno cerchiamo di tenere vivo il ricordo della tragedia del 23 gennaio 1996 a Secondigliano. Ore: 16,20. Un’esplosione causata da una fuga di gas, provoca la morte di 11 persone. Una tragedia annunciata che si sarebbe potuta evitare se solo l’allora giunta comunale avesse dato ascolto alle numerose proteste degli abitanti del luogo.

I familiari delle vittime, hanno dovuto aspettare 17 anni per ricevere, dall’amministrazione comunale, un monumento in ricordo dei propri cari. Non dimentichiamo!

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabrizio Corona si è costituito a Lisbona. Su un social l’audio prima della consegna

next
Articolo Successivo

Bergamo, crolla palazzina di tre piani per fuga di gas: sette feriti, due gravi

next