Come ogni anno cerchiamo di tenere vivo il ricordo della tragedia del 23 gennaio 1996 a Secondigliano. Ore: 16,20. Un’esplosione causata da una fuga di gas, provoca la morte di 11 persone. Una tragedia annunciata che si sarebbe potuta evitare se solo l’allora giunta comunale avesse dato ascolto alle numerose proteste degli abitanti del luogo.

I familiari delle vittime, hanno dovuto aspettare 17 anni per ricevere, dall’amministrazione comunale, un monumento in ricordo dei propri cari. Non dimentichiamo!

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabrizio Corona si è costituito a Lisbona. Su un social l’audio prima della consegna

prev
Articolo Successivo

Bergamo, crolla palazzina di tre piani per fuga di gas: sette feriti, due gravi

next