Il video che segue è l’intervento di mio zio, Pasquale Borsellino, durante il 20° anniversario dall’omicidio di mio nonno Giuseppe e di mio zio Paolo Borsellino che abbiamo organizzato lo scorso 16 dicembre a Santa Margherita di Belice. È una lettera bellissima in cui per la prima volta Pasquale, nella vita psicoterapeuta-primario in un ospedale del Veneto, esprime quello che per vent’anni si è tenuto dentro e che lo stava lentamente uccidendo, privandolo della forza vitale necessaria per sopravvivere agli omicidi che hanno sconvolto la nostra famiglia.

Mi piace pensare che per lui questo sia un ritorno alla vita, alla lotta per la memoria e per non darla mai vinta ai carnefici e ai mandanti che hanno voluto la morte dei nostri cari.

Mentre lui parlava io ero in prima fila ad ascoltarlo, e questa lettera è stata la prima cosa, dopo vent’anni, che è riuscita a farmi scendere una lacrima lungo la guancia. Una sola, ma è un inizio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, Crocetta ferma il cantiere del Muos: “Non chiedo autorizzazioni al governo”

next
Articolo Successivo

Concordia in mare: ennesimo maltrattamento alla nostra salute

next