Contrattacco di Barack Obama che a pochi giorni dalle presidenziali, seziona la retorica di Mitt Romney e sottopone le sue dichiarazioni al fact checking. E per farlo ‘arruola’ Sergio Marchionne come una sorta di testimonial in un video elettorale per dimostrare le bugie del rivale. Proprio ieri il candidato repubblicano aveva detto: “Se Obama verrà rieletto, finiremo come l’Italia” e come altri paesi dell’area mediterranea, in riferimento alla crisi economica che ha avuto un forte impatto negativo sulle economie europee.

A pochi giorni dal voto, lo staff del presidente diffonde uno spot dal titolo ‘Romney Style: How to Destroy Your Campaign’s Credibility in Five Easy Steps‘, cioè come Romney si è rovinato la reputazione con cinque errori banali. Uno di questi è appunto aver spacciato come vera la notizia che il gruppo Fiat-Chrysler, a cui fa capo il marchio Jeep, aveva deciso di spostare la produzione delle famose fuoristrada dall’americanissima Toledo (Ohio) alla lontana Cina.

Una indiscrezione totalmente inventata, citata da Romney in un comizio allo scopo di gettare discredito nei confronti del salvataggio del settore auto da parte di Obama. E ripetuta in uno spot in cui l’ex governatore del Massachusetts parlava della Chrysler come di un’azienda “venduta agli italiani”, che vogliono portare i posti di lavoro dagli States alla Cina. Tutto falso, tanto che lo stesso Marchionne il giorno successivo ha inviato una mail ai dipendenti del gruppo per chiarire che la Jeep resta in Usa, scrivendo esplicitamente che “non sarà mai trasferita in Cina e insinuare qualcosa di diverso è sbagliato”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa 2012, quattro giorni dal voto. Ecco le ultime carte di Obama e Romney

next
Articolo Successivo

Giappone, “sprecato il 25 per cento dei fondi post-tsunami”

next