Lo tsunami continua a travolgere il Giappone. A distanza di più di un anno dal disastro ambientale il 25 per cento dei fondi per le ricostruzioni è stato speso in progetti non connessi con il terremoto e metà del budget governativo previsto per far fronte all’emergenza non è ancora stato assegnato, nonostante 325mila persone vivano ancora in strutture temporanee.

Un quarto dei 91 miliardi di sterline assegnato alla ricostruzione nelle aree devastate, riporta il Guardian, è stato speso per progetti non collegati al disastro. La metà del budget previsto invece non è stata ancora distribuita a causa di ostacoli burocratici e indecisioni. L’opinione pubblica in Giappone è scossa da questa situazione e protesta perché la ricostruzione sta richiedendo troppo tempo. A più di 18 mesi dal disastro, infatti, 325mila persone sono state costrette a fuggire dalle zone contaminate di Fukushima e vivono ancora in aree provvisorie.

Tra i progetti più disparati finanziati con i fondi per lo tsunami emergono le strade ad Okinawa per 500 milioni di yen, 330 milioni di yen per riparare lo stadio sportivo di Tokyo, 10,7 miliardi di yen per una organizzazione di ricerca sul nucleare e diverse sovvenzioni per una fabbrica di lenti a contatto. Ulteriori finanziamenti (500 milioni di yen) sono andati al ministero della Giustizia per acquistare attrezzature per i penitenziari mentre 2,3 miliardi di yen sono stati spesi per proteggere la pesca giapponese delle balene dagli attacchi del gruppo di conservazione marina Sea Shepherd.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa 2012, Marchionne ‘testimonial’ di Obama per svelare le bugie di Romney

prev
Articolo Successivo

Pussy Riot, Medvedev contro Putin: “Non devono stare in carcere”

next