Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Mondo > Usa 2012, Romne...

Usa 2012, Romney: “Votare Obama ci riduce come l’Italia”

Il candidato repubblicano, nel corso di un comizio in Virginia, si scaglia contro Obama. E fa leva sul fattore crisi, prendendo in considerazione il confronto con i paesi dell'area mediterranea. ''Se siete un imprenditore e state pensando di avviare un’attività - ha detto - dovete chiedervi: è l’America sulla strada della Grecia?"

Usa 2012, Romney: “Votare Obama ci riduce come l’Italia”

Rieleggere Obama ridurrebbe gli Stati Uniti in una situazione di difficoltà, alla stregua di Paesi come l’Italia e la Spagna. E se verrà rinnovato per un secondo mandato ”la disoccupazione resterà su livelli molto elevati”. Il candidato repubblicano Mitt Romney, nel corso di un comizio in Virginia, si scaglia contro il rivale democratico a pochi giorni dalle elezioni per la Casa Bianca e fa leva sul fattore crisi, prendendo in considerazione il confronto con i paesi dell’area mediterranea. 

”Se siete un imprenditore e state pensando di avviare un’attività – ha detto Romney – dovete chiedervi: è l’America sulla strada della Grecia? Siamo sulla strada di una crisi economica come quelle che stiamo vedendo in Europa, in Italia e Spagna? Se continuiamo a spendere mille miliardi di dollari in più di quanto entra, l’America di fatto si troverà su questa strada”. Poi ha sottolineato: ”Molti sostenitori del presidente urlano ‘Four more years’ – ha detto -Noi diciamo: per Obama ‘Five more days”‘. Poi ha aggiunto che ”le presidenziali avranno enormi conseguenze” e che “il voto del 6 novembre avrà un impatto non solo sui prossimi quattro anni ma sulle generazioni future”.

Intanto Obama, superata l’emergenza Sandy, ha ripreso la sua campagna elettorale per lo sprint finale verso il 6 novembre a Green Bay, in Wisconsin. Non ha risposto direttamente alle parole dell’avversario ma di certo, ha detto, non è lui l’uomo del cambiamento. ”Noi sappiamo cosa vuol dire cambiamento – ha spiegato-. Potete non essere d’accordo su tutte le decisioni o non essere soddisfatti della velocità del cambiamento. Ma sapete quello che voglio fare per cambiare l’economia, la politica, la società”. Il presidente americano ha incassato l’appoggio del sindaco di New York, Michael Bloomberg, che nel 2004 aveva sostenuto George W. Bush. Ma quattro anni dopo non aveva fatto nessun endorsement. In un’editoriale, invece, arriva l’annuncio a sorpresa: per Bloomberg il presidente è il miglior candidato per poter affrontare la sfida del cambiamento climatico, oltre ai diritti di donne e gay.

Quella di martedì sarà la più costosa tornata elettorale della storia americana e, secondo l’ultima stima del Center for Responsive Politics, costerà sei miliardi dollari. Infatti supera di 700 milioni di dollari le elezioni del 2008, per cui erano stati spesi 5,3 miliardi. Il dato si riferisce alla campagna nel suo complesso, compresi i SuperPac, i comitati che sostengono Obama e Romney i quali hanno diritto di raccogliere fondi senza limiti. Negli ultimi giorni prima del voto di martedì i due candidati spenderanno altri 40 milioni in spot pubblicitari. Secondo quanto riportato dalla Cnn, gli stati in cui il presidente in carica e il rivale repubblicano concentreranno maggiormente gli annunci nel rush finale verso l’Election Day sono Florida, Ohio e Virginia.

 


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione