Leoluca Bagarella. Cognato di Riina, prende le redini dell’ala stragista di Cosa Nostra dopo l’arresto del capo dei capi. In un primo momento tenta la strada della politica autonomista con Sicilia Libera. Poi sarebbe uno dei boss che spedisce Vittorio Mangano da Silvio Berlusconi, per prospettargli le richieste di Cosa Nostra. Lo accusano diversi pentiti tra cui il suo ex sodale Giovanni Brusca.

Il 2 luglio del 2002, interviene durante un processo a Trapani in video conferenza dal carcere di L’Aquila. Le sue parole lasciano increduli i membri della corte. “A nome di tutti i detenuti ristretti all’Aquila – dice – sottoposti all’articolo 41 bis, stanchi di essere strumentalizzati, umiliati, vessati e usati come merce di scambio dalle varie forze politiche, informiamo la Corte che dal 1 luglio abbiamo iniziato una protesta civile e pacifica con la riduzione dell’ora d’aria. Aspettiamo precisi segnali”.

Trattativa Stato-mafia: l’accusa e la difesa dei dodici imputati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore