Un assalto alla rete, questo è successo in commissione giustizia al Senato, con la ferma opposizione solo di pochi. Il testo che modifica le norme della diffamazione a mezzo stampa, passa ora all’esame dell’aula. Una brutta pagina non solo per i giornalisti (multe salate e risarcimenti a gogò) ma anche per il web. Sono state infatti estese le stesse norme anche alla rete.

Ancora una volta, dopo il decreto Romani sulle web TV e sul copyright, si approfitta di una materia diversa per mettere mano alla “troppa” libertà di internet. E questo nonostante la giurisprudenza della Cassazione avesse anche di recente escluso i giornali on line dall’applicazione delle regole sulla stampa. Nel testo approvato in commissione c’è anche una disposizione (l’art. 3) ben più pesante che impone a tutti i siti e ai motori di ricerca, quindi non solo ai giornali telematici, la rimozione di scritti o immagini ritenuti diffamanti nonché pesanti sanzioni (fino a 100.000 euro).

Siamo l’unico paese occidentale a volerlo fare per di più all’approssimarsi di una importante scadenza elettorale. Tra l’altro la concreta applicazione di questa disposizione rischia di travolgere anche i blog (la distinzione non è netta). Dove andranno a finire i propositi di trasparenza e discussione vagheggiati da diverse forze politiche se poi bisognerà stare attenti a parlare? Il salva Sallusti salva lui e tutti i poteri che non mollano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Sallusti, la Cassazione: “E’ recidivo, gravità dei fatti giustifica il carcere”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico: come provare la “democrazia liquida” con Liquid Feedback

next