Un suggerimento minimalista sul debito pubblico greco che però può valere parecchi euro e che richiede una premessa.

La premessa è che ovviamente in generale la Grecia ha ragione a chiedere di non essere il capro espiatorio di problemi non provocati
a livello nazionale. Esempio i soldi che i governi greci hanno dovuto spendere per comprare cacciabombardieri di fabbricazione tedesca.
Fatte queste e analoghe premesse – per non essere strumentalizzato – credo che il governo greco potrebbe e dovrebbe recuperare un bel po’ di soldi da una categoria non irrisoria come quella dei possessori di auto di media o alta potenza, in particolare di quelli che guidano in modo pericoloso e sfrontato. L’esperienza di mezza giornta sulla cosidetta autostrada Patrasso-Atene è più che sufficiente.

Tanto per cominciare non si capisce perché – con tutti i problemi economici che ci sono – il passaggio in questa autostrada sia gratuito e il pagamento del pedaggio sia sospeso in quasi tutte le tratte. Ma soprattutto è stupefacente l’interpretazione che i proprietari delle varie berline, Suv e così via, danno dei limiti di velocità. A me pareva di rispettare i limiti di velocità, che in certi tratti di lavori erano di 60 kilometri all’ora per poi salire fino ai 100 e ridiscendere. Così facendo rischiavo continuamente di essere polemicamente tamponato da auto greche che scalpitavano, clacsonavano e quando riuscivano a superarmi – nonostante il divieto di sorpasso o perché mi arrendevo momentaneamente e mi mettevo sulla corsia di emergenza – mi vituperavano con gestacci. Così ho capito che quelli che io interpretavo come limiti di velocità massimi per loro erano minimi da superare almeno del 20% e che la corsia di emergenza è quella in cui devono viaggiare i lenti, cioe quelli che intendono rispettare i limiti di velocità come massimi.  

Queste considerazioni sui limiti di velocità so benissimo che mescolano il sacro – cioè la sicurezza – col profano, cioè la necessità di aumentare le entrate e ridurre le uscite dello Stato. Ma per almeno un paio di anni le due cose possono andare di pari passo. E la riduzione degli incidenti può ridurre le spese sanitarie. Poi, a proposito di automobili, devo dire che non pagare neanche 50 centesimi di parcheggio è molto comodo per noi turisti, ma non so se sia una linea furba per enti locali e pubblici in bolletta. Insomma mentre si comincia a pensare a un possibile e forse auspicabile fronte mediterraneo contro i falchi tedeschi, ce ne sono di cose da fare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caro benzina? Non ditelo ai norvegesi. Italia settima, ma con le accise più alte

next
Articolo Successivo

“Ora tocca alle imprese” La Fornero passa la palla alla Confindustria

next