Indovinello: a quale Paese si riferiscono le raccomandazioni seguenti?

  • Richiedere a tutti i partiti politici e alle autorità governative di rispettare l‘indipendenza del potere giudiziario, con un impegno a disciplinare qualsiasi membro di governo o di partito che mina la credibilità dei giudici o mette pressione sulle istituzioni giudiziarie;
  • Astenersi dal nominare ministri con condanne per mancanza di integrità; ministri in tali situazioni dovrebbero dimettersi;
  • Adottare procedure chiare che richiedano le dimissioni dei membri del Parlamento a seguito di decisioni definitive su incompatibilità e conflitto di interessi o di condanne definitive per corruzione ad alto livello.

Se avete pensato all’Italia è probabilmente a causa della mia approssimativa traduzione dall’inglese.

Si tratta invece di un estratto dell’ultimo rapporto della Commissione sulla Romania, nel quadro del Meccanismo di Cooperazione e Verifica (CVM). I punti qui sopra fanno parte di quelle che vengono definite (altra traduzione approssimativa mia) “indispensabili fondamenta del diritto e dell’indipendenza del potere giudiziario“, in altre parole le basi della democrazia.

Il premier rumeno si è impegnato per iscritto a dare seguito a tutte le raccomandazioni, incluse quelle qui sopra.

Certo c’è da riflettere. E ci sarebbe da discutere, se solo i nostri media non trovassero queste questioni irrilevanti.

Disclaimer: Come riportato nella bio, il contenuto di questo e degli altri articoli del mio blog è frutto di opinioni personali e non impegna in alcun modo la Commissione europea.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, ad Hama 50 morti. Oggi Onu vota risoluzione dell’Arabia Saudita

prev
Articolo Successivo

Homs e la disperazione di Abu Imad

next