Stuart Pearce (AP PhotoSang Tan)Ieri in Inghilterra, precisamente a Middlesbrough, si è giocata un’amichevole pre-olimpica di calcio tra la formazione di casa e quella brasiliana. Non starò qui a discutere se il calcio ha diritto d’essere sport olimpico, quello di cui voglio parlare è di un fatto singolare che riguarda la squadra di casa.

La partita è un fatto memorabile per questa città, perché qui nel nord è arrivata niente meno che la Seleção verde-oro. Inoltre questo match non è stato solo una normale sfida di preparazione tra due nazioni, è stato qualcosa di quasi storico. La gara, infatti, non era Inghilterra contro la Seleção ma Regno Unito contro Brasile.

Una squadra di calcio del Regno Unito? Sì, a Londra 2012 ci sarà un football Team GB e il fatto è, dal punto di vista sportivo, un evento raro perché sono passati quarant’anni dall’ultimo Team GB.

Questa nazione è “strana” dal punto di vista sportivo. Per la maggior parte delle competizioni esiste una squadra britannica, per altri sport, come il cricket, il rugby e il calcio ci sono selezioni che rappresentano ogni singolo stato dell’unione. Per questi ragazzini brasiliani sarà stata forse la prima e ultima volta che hanno giocato contro i britannici perché nel resto delle loro carriere si troveranno di fronte i Three Lions inglesi, gli scozzesi, i Dragons gallesi o i Norn Iron, cioè gli irlandesi del nord.

Perché questa particolarità? È tutta basata sulla storia ed evoluzione di questo sport. Il calcio moderno è nato in questa terra nel XIX secolo. Nel 1863 venne fondata da alcuni clubs inglesi la Football Association. Questa Fa era sperimenatale e non era chiaro se volesse inglobare squadre degli altri stati dell’unione. Dieci anni dopo le compagini scozzesi fondarono la loro federazione e gallesi e irlandesi seguirono l’esempio (la Fa irlandese si separerà in due nel 1921 a causa della nascita della Repubblica d’Irlanda).

La Fifa nacque nel 1904, quando il Regno Unito era già diviso in quattro federazioni da qualche decennio e quindi optò per la decisione di lasciare le varie organizzazioni completamente indipendenti. E qui è nato il problema calcistico del 2012: avere o non avere una nazionale britannica per Londra 2012? È stato un battibecco sportivo e politico che ha coinvolto tutti, Westminster, le assemblee degli stati del Regno, i media, le quattro FAs e l’Associazione Olimpica Britannica. Per il governo centrale e il Boa era impossibile non avere un football Team GB per le olimpiadi londinesi ma le altre federazioni, specialmente quella scozzese, rifiutavano l’idea basandosi sul concetto di indipendenza e per paura del pericolo di una creazione della Federazione britannica con l’appoggio dalla Fifa. Dopo mesi di polemiche, ipotesi e frecciatine la Scottish Football Association ha deciso di mettersi in disparte e ha lasciato, in caso di convocazione, piena libertà di decisione ai propri tesserati. Westminster ha ringraziato e ha creato una nazionale Gb. I giocatori sono stati convocati e, ironia della sorte, non ci sono scozzesi, neanche tra lo staff tecnico. Pura casualità o vendetta inglese? Difficile dirlo, ma è chiaro che questa selezione britannica è semplicemente una squadra dei Three Lions con qualche modifica, visto che quindici atleti su diciotto sono inglesi.

La prossima settimana questa squadra scenderà in campo alla conquista della gloria olimpica e i tifosi coloreranno gli stadi con migliaia di Union Jacks. Canteranno a squarciagola e sogneranno la vittoria finale. Sono sicuro che nelle Highlands non si festeggerà l’eventuale oro della selezione calcistica del Regno disUnito.

di Cristian Sacchetti, studente alla University of Westminster e giornalista freelance

(Nella foto AP Photo-LaPresse il ct britannico Stuart Pearce)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rossella Urru e “gli altri”

next
Articolo Successivo

Usa, niente norme più severe sulle armi. Così le lobby influenzano la politica

next