A Bonn si è da poco conclusa la conferenza sul clima, più recente tappa dei negoziati internazionali sui cambiamenti climatici e nel frattempo fatti e ricerche ci parlano di aree che subiscono la peggior siccità degli ultimi 70 anni.

* di Elisabetta Corrà

Uno dei più famosi racconti di Raymond Carver si intitola Di che cosa parliamo quando parliamo d’amore. I quattro protagonisti, due coppie con storie complicate, si accorgono che definire l’amore non è affatto facile e che senza una buona definizione spesso si prendono lucciole per lanterne. Si è chiuso venerdì scorso il summit internazionale sul clima di Bonn e per spiegarne limiti e inceppature potremmo parafrasare Carver chiedendoci: di che cosa parliamo quando parliamo di negoziato sul riscaldamento del Pianeta? Qual è la posta in gioco? 

Il Messico sta attraversando la peggior siccità degli ultimi 70 anni. Ma non è il solo Paese ad avere i rubinetti a secco. L’anno scorso, il sud degli Usa, e in particolare il Texas, ha sofferto la più grave siccità di sempre. E quest’anno, il 56% degli Stati Uniti è in condizioni di siccità. Lo US Drought Monitor ha dichiarato che l’area interessata è il doppio di quella flagellata dalla sete nello stesso periodo del 2011. I dati sul Messico si inseriscono nello scenario descritto dall’incrocio dei risultati di 19 differenti modelli di previsione climatica (centrati sulla siccità) per il Messico, il Midwest degli Usa e il Centro America: “Projections of Future Drought in the Continental United States and Mexico“. In futuro, queste regioni potrebbero essere sottoposte a un permanente e grave stress idrico.

Intanto, arriva l’estate. A Milano i negozi hanno acceso i condizionatori il 24 maggio, rigorosamente a porte aperte, senza nessuno scrupolo per il risparmio energetico, il buon senso e qualsivoglia considerazione sull’efficienza. Non bastano le buone intenzioni se ci ostiniamo a considerare la siccità messicana una notizia senza importanza e la nostra passione per la refrigerazione una innocua abitudine estiva, da compensare mettendo nel carrello della spesa qualche alimento bio. Ma forse è proprio questo il punto: noi difendiamo il condizionatore, i messicani il diritto a bere.

* Elisabetta Corrà, filologa, giornalista, dopo una variegata esperienza nei media tradizionali (magazine, quotidiano, on line) ha lavorato a lungo come staff writer in contesto politico. Dal 2011 si dedica a tempo pieno alla comunicazione ambientale per agenzie e aziende, per cui cura progetti specifici sulla divulgazione scientifica, la cultura della sostenibilità e la green economy. Nel 2009 ha pubblicato un libro sulla genesi dello Stato di Israele e la Seconda Intifada.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Benzina, gli ultimi due centesimi

prev
Articolo Successivo

Dall’Ue due mesi per decidere su Malagrotta: “Minaccia a salute e ambiente”

next