A parte l’allegro Fassino che governa nell’ombra la lucentezza di Torino, non c’è una sola grande città che il Partito democratico di Pier Luigi Bersani guidi con forze proprie e quel che più conta con un progetto proprio, qualche nuova idea, magari lontana dalle banche, dai banchieri e da quegli apparati che campano sulle ruote dei rimborsi elettorali. Anche in questo giro sono riusciti a perdere vincendo.

Hanno perso Parma con una miopia così selettiva da sfiorare il masochismo. Non hanno capito gli umori di Palermo, restituita a Orlando. E a Genova non hanno azzeccato il candidato. Bersani oggi si rallegra delle vittorie di Budrio e Garbagnate, beato lui. Ma alle scorse amministrative suonava la stessa musica in quelle grandi città che sono lo spartito della nazione.

A Milano puntavano su Stefano Boeri e ha vinto Pisapia. A Napoli contrastavano a brutto muso De Magistris. A Cagliari non volevano saperne del giovane Zedda. A Roma sono riusciti nell’impossibile: perdere contro il tetro Alemanno, uno che gira con la croce celtica al collo, puntando sull’unico candidato in grado di fare l’impresa: Rutelli, quando ancora si rimborsava il pranzo e la cena con il suo amico Lusi.

Il Fatto Quotidiano, 23 Maggio 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Stragi, Monti: “Verità unica ragione di Stato. Mafia non è imbattibile”

next
Articolo Successivo

Pdl, Bondi si dimette ma Silvio Berlusconi: “Io e Alfano le respingiamo”

next