Ci ha salutati il giorno dopo il 25 aprile Didala Ghilarducci. Nella sua Viareggio. A 90 anni la “Partigiana per amore” (titolo del suo libro per Marco del Bucchia Editore nel 2007) è volata più in alto delle sue montagne, poche ore dopo esser salita, per celebrare la Liberazione, ancora una volta fino a Sant’Anna di Stazzema, dove il 12 agosto 1944 si è consumata una delle più feroci stragi naziste sul suolo italiano: trucidati 560 innocenti, tra i quali una bambina di appena 20 giorni, Anna Pardini.

Suo marito Ciro Bertini, per tutti i compagni semplicemente “Chittò”, trovò la morte per mano nazista sempre nell’agosto del ’44: Chittò era in perlustrazione nel territorio di Massarosa, insieme ai compagni partigiani Giancarlo Taddei, Ciro Bertini e Gustavo Rontani. L’agguato di un gruppo di Ss gli fu fatale. Insieme a Taddei finì così la Resistenza di Chittò.

Lei, la partigiana per amore Didala aveva seguito Chittò sulle Apuane, con il figlio Riccardo, nato da soli pochi giorni, già nel 1943. Accudiva un neonato e faceva la staffetta partigiana, nella Brigata Garibaldi. Dopo la morte del marito Didala è diventata una dei custodi di quei giorni, di quel terribile agosto 1944, non si è mai stancata, è stata eletta consigliere comunale a Viareggio e presidente della sezione Anpi.

Ciao Didala, partigiana per amore. Partigiana per tutti noi.

Foto di ToscanaNotizie.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Può una borsa costare 32mila euro?

next
Articolo Successivo

Quelli che pisciano sulla Costituzione

next