Il governatore della Campania Stefano Caldoro

Nella Campania dominata dai trasformismi e dai cambi di casacca, può accadere (ed infatti accade) che un partito provi a stare di qui e di là, a destra e a sinistra, in alto e in basso. Purché ci sia qualche assessorato da spartire e qualche posizione di potere da occupare. E così le spericolate alleanze dell’Udc campano hanno fatto arrabbiare di brutto il commissario regionale del Pdl Francesco Nitto Palma, il magistrato chiamato a mettere ordine dopo la tumultuosa gestione di Nicola Cosentino.

Ma come, si sarà chiesto l’ex Guardasigilli del crepuscolare governo Berlusconi, i centristi di Casini sono in maggioranza con noi in Regione e in quattro province su cinque (tra cui Napoli, Avellino e Salerno) e poi, mentre noi azzurri viviamo un momento di debolezza nei sondaggi, loro chiudono intese col Pd per le amministrative dei più importanti comuni del napoletano e dell’avellinese (Torre del Greco, Pozzuoli, Casavatore, Atripalda, Solofra)? “C’è un problema politico” protesta Palma, secondo cui “il rapporto strategico con l’Udc si è incrinato, loro ormai sono per sbaglio in maggioranza col centrodestra, sono passati dall’altra parte”.

Palma ha dato gli otto giorni al Governatore Stefano Caldoro: se non caccerà gli assessori centristi, ritirerà la delegazione Pdl dalla giunta regionale, e nel frattempo gli azzurri bocceranno ogni proposta di delibera proveniente dall’Udc. L’ultimatum scadrà a fine settimana e vale anche per le amministrazioni provinciali. Caldoro per ora ha deciso di far finta di nulla. E non rilascia dichiarazioni.

Crisi. Ultimatum. Delegazioni da ritirare per protestare “contro l’abuso della politica dei due forni”. Prassi e linguaggi della Prima Repubblica stanno aprendo una crepa nel centrodestra campano. Gongola Andrea Orlando, responsabile nazionale Giustizia del Pd e commissario del partito a Napoli, che sogna di esportare quest’alleanza a Roma: “Il Pdl dovrebbe interrogarsi sul perché non riesce ad attrarre più i moderati. Ma non credo che il Pdl voglia davvero far precipitare la situazione – riflette in un’intervista ad Adolfo Pappalardo de Il Mattino – penso che tireranno a campare, non è un caso che il consiglio regionale non sia stato mai davvero investito dalla crisi”. I dirigenti Udc liquidano la vicenda come frutto di beghe interne del Pdl e delle ripetute richieste di rimpasto per dare spazio a qualche consigliere regionale berlusconiano.

Per l’Udc locale allearsi col Pd è stato un richiamo della foresta. I due assessori regionali casiniani, Giuseppe De Mita e Pasquale Sommese, da lì provengono e in un recentissimo passato vi hanno ricoperto ruoli di primissimo piano. De Mita, nipote dell’ex premier Ciriaco De Mita, è stato il primo segretario del Pd di Avellino. Sommese è stato il vice segretario del Pd di Napoli: fu la segreteria che affrontò disastrosamente gli arresti nella giunta Iervolino del dicembre 2008, il segretario Luigi Nicolais si dimise di punto in bianco per non essere riuscito a convincere la sindaca ad azzerare l’esecutivo e a dare un vero colpo di spugna a un’amministrazione in profonda difficoltà. Sommese pagherebbe il prezzo più alto per l’eventuale rottura tra Pdl e Udc. Quando è entrato in giunta si è dimesso da consigliere regionale (la legge campana non glielo imponeva) e per restare nell’esecutivo Caldoro ha rinunciato alla possibilità di subentrare al Parlamento Europeo, dove era stato eletto nella lista Pd.

Mille Comuni al voto, vai allo Speciale amministrative di ilfattoquotidiano.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I sogni neri del Senatur

prev
Articolo Successivo

Boeri su Facebook: “No a lezioni dal Trota. Penati e Boni pensino alle dimissioni”

next