Povero Matteo Salvini, enfant prodige senza prodigi né fanciullezza. Il partito è deriso, i celti disgregati. Trote e batraci hanno ammazzato il sogno. E lui, per sublimare il dolore, occupa la tivù.

In difesa e a baluardo di un’utopia infranta. Rai, Mediaset, La 7, Sky, Radio Padania, Tele Pontida: non se ne fa mancare una. Giovedì, a un certo punto, era contemporaneamente a Porta a porta e Matrix. In collegamento da un cerchio magico tutto suo, dove Babbo Natale esiste davvero e pure la Befana (che magariè Rosi Mauro). Messo alle strette dadomande larghissime, cominciava a tremare.

Gonfiava il doppio mento, che si faceva triplo e quadruplo, quintuplo e periodico. Ammetteva la presenza di mele marce. Sottolineava “le strane coincidenze”. Poi, narrava la sempiterna Parabola del Leghista illibato: la raccolta firme, l’impegno, l’onestà. Che bimbo tenero: tutto è perduto, ma lui resiste. Resiste. Resiste.

Quasi come un giapponese padano.

Il Fatto Quotidiano, 7 Aprile 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ora chiedano scusa anche a Carlo Freccero

next
Articolo Successivo

Se la privacy minaccia l’informazione e la storia

next