In questi tempi di feroce recessione anche Il Male, la storica rivista satirica di Vauro e Vincino, non poteva fare finta di niente. Giovedì 29 marzo a Roma e venerdì 30 in tutta Italia arriverà nelle edicole con una doppia pubblicazione: quella classica, nel solito formato e al consueto costo di 3 euro, e un’edizione “crisi” a metà prezzo.

Per venire incontro a chi non potesse permettersi il lusso del solito Male, quindi, Vauro e Vincino hanno ideato una versione low cost della loro rivista. Coerentemente con lo spirito del Male, l’edizione “crisi”, oltre a costare la metà, avrà anche la metà delle pagine, una carta di minor pregio, la vignetta di copertina piena di toppe e colori meno accesi.

Anche i servizi, fanno sapere dalla redazione, “saranno gli stessi ma più da poveri”. Non solo: in questo numero, il settimanale lancerà il concorso Miss Maglietta Bagnata, sulla scia del grande clamore suscitato dalla t-shirt “Fornero al cimitero”. Nel Male “classico” la testimonial del concorso è Sara Tommasi, mentre in quello “low cost” i lettori squattrinati si dovranno accontentare della segretaria di redazione del Male.

La doppia pubblicazione non è la prima trovata dei due grandi vignettisti. Proprio oggi il Male è uscito con un’edizione straordinaria in formato quotidiano, di quattro pagine, al costo di 1 euro. Argomento, neanche a dirlo, la crisi economica. Titolo strepitoso: “Edizione Straordinaria. Andate a rubare”. E nel sommario: “La gente deve pur mangiare. Depenalizzato il furto semplice”. Parole, poco sobrie e professorali, niente meno che del premier Mario Monti in missione a Pechino. Notizie così si trovano solo sul Male.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Damien Hirst
fra Arte e Etra

next
Articolo Successivo

La messa a reddito dei beni culturali

next