Con la notizia che Android potrebbe presto tirar fuori un nuovo tablet Google, arriva sugli schermi dei nostri computer anche la faccia di Andy Rubin che di Android è la testa pensante. Non eravamo abituati a vederlo e ci accorgiamo che ha una somiglianza sconcertante con Steve Jobs.

Viene da chiedersi se non esistano precisi connotati fisici per essere dei geni dell’informatica. Testa rapata e occhialini sono d’obbligo. Soprattutto è un must il maglioncino sformato che lascia intravvedere la T-shirt. Mai bianca, verde militare o nero stinto in grigio. Mai uno straccio di giacca, figuriamoci la camicia o la cravatta. Il miliardario tecnologico deve andare in giro dismesso, così modesto da apparire povero. I suoi miliardi sono tutti virtuali o allora è stato punito come un Re Mida per averli guadagnati così facilmente.

L’immagine che deve passare è quella del cervellone così occupato coi suoi calcoli che dimentica perfino di vestirsi. Esce in pigiama, vestito come un cow boy prima di fare il bagno nella tinozza, inseguendo un’invenzione che gli offusca la mente. C’è da sperare che almeno la doccia se la ricordi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Le pagine proibite di Guido Morselli

prev
Articolo Successivo

Gemelli nel mondo

next