Balzo in Borsa per Fondiaria Sai della famiglia Ligresti: più 18,3 per cento in una sola seduta. Sono passate di mano 25,8 milioni di azioni, pari al 7% del capitale, contro una media delle ultime trenta sedute di 9 milioni.

Il rialzo è collegato all’interesse di Palladio Finanziaria, il private equity veneto che sta facendo incetta di azioni della compagnia assicurativa, interessata da un piano di salvataggio che vede protagonista Unipol, espressione delle cooperative rosse. Palladio Finanziaria ha superato la partecipazione rilevante del 2% in Fondiaria-Sai già il 3 febbraio scorso, comunica la Consob. La finanziaria vicentina di Roberto Meneguzzo, che ha già interessi nelle concorrenti Generali, ha comunicato di detenere indirettamente il 2,256% della compagnia assicurativa il 9 febbraio.

A Fonsai sarebbero interessati anche i francesi di Axa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napolitano: “Riforma del lavoro necessaria, confido in un accordo”

prev
Articolo Successivo

Atene vota l’austerity, ma la Ue è scettica: “La Grecia non è ancora salva dal default”

next