Ogni volta che si decide di acquistare o non acquistare qualcosa, dovremmo considerare che le nostre azioni hanno delle conseguenze, magari in luoghi anche molto lontani da noi, e ovviamente un impatto più o meno forte sull’ambiente.

Per questo motivo fare capire quanto importante sia cambiare le proprie abitudini, usando in modo razionale energia e risorse naturali, è uno degli obiettivi della Commissione europea. Che, a tal proposito, ha lanciato lo scorso autunno la campagna “Generation Awake. Your choices make a world of difference!”.

Per diffondere il messaggio, Generation Awake si sta avvalendo soprattutto della rete, con un videoclip, un sito web e una pagina facebook, i cui visitatori vengono incoraggiati a raccogliere nuove sfide. Come ad esempio quella di usare per un mese solamente i soli trasporti pubblici, o quella di ridurre la durata della doccia, in modo da risparmiare acqua.

Il messaggio di base è quello di “Consumare in modo diverso e riflettere prima di scegliere”, traducibile anche in “Consumare di meno e riflettere prima di acquistare”. Che non significa vivere di stenti, ma tradurre in pratica le belle parole e le giuste intuizioni di questa iniziativa.

Completamente inutili, se non si riduce il livello assurdo di consumi a cui ci siamo abituati. E che i nostri ecosistemi presto non potranno più reggere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima: è solo colpa del Sole?

next
Articolo Successivo

Claudio Sacchetto, un nome da ricordare

next