Poco si parla delle protesi al silicone prodotte in Francia dalla Pip, azienda fondata da un ex commerciante di prodotti alimentari che ha utilizzato un gel non conforme, creando un numero enorme di rotture delle protesi stesse e di problemi infiammatori fino a casi tumorali.

Il 31 dicembre, con pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il Ministero della Salute ordina ai medici e alle strutture sanitarie di richiamare tutte le pazienti per una visita di controllo mentre la Francia consiglia la rimozione immediata di tali protesi.

Ancor più strano il caso di Milano. All’Istituto dei tumori dal 1997 non sono mai state impiantate protesi Pip, mentre nel vicino Istituto Europeo di Oncologia diretto da Umberto Veronesi sono state impiantate fino al 2006. Come mai prof. Veronesi?

A quando la verità da parte del Ministero? O dovremo accontentarci delle verità di parte?

Per essere liberi, anche di scegliere, bisogna conoscere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Warren Buffett che non ti aspetti. O forse sì?

prev
Articolo Successivo

Martone tra sgobboni
e lavativi

next